Esiti di agibilità al 6 giugno 2009. Sono esclusi gli edifici in zona rossa, per i quali la situazione è molto peggiore.

Ci sono diversi livelli di classificazione che variano a seconda della gravità delle lesioni riportate dall’edificio e in base alla tipologia d’uso di questo.

A - Edificio agibile[modifica | modifica sorgente]

L'edificio può essere utilizzato in tutte le sue parti senza pericolo per la vita dei residenti.

B - Edificio temporaneamente inagibile[modifica | modifica sorgente]

(tutto o parte) ma agibile con provvedimenti di pronto Intervento.
L'edificio è in parte inagibile, ma è sufficiente eseguire lavori di pronto intervento per poterlo utilizzare in tutte le sue parti, senza pericolo per i residenti.

C - Edificio parzialmente inagibile[modifica | modifica sorgente]

Parti limitate dell’edificio possono comportare elevato rischio per i loro occupanti.

D - Edificio temporaneamente inagibile[modifica | modifica sorgente]

da rivedere con approfondimento
Il giudizio di agibilità da parte del rilevatore è incerto. Si dovrà fare un sopralluogo più approfondito, fino a quel momento l’edificio è dichiarato inagibile.

E - Edificio inagibile per rischio strutturale, non strutturale o geotecnico[modifica | modifica sorgente]

La riparazione richiederà un progetto di un tecnico per il ripristino od il rinforzo della capacità portante dell’edificio.

F - Edificio inagibile per grave rischio esterno[modifica | modifica sorgente]

  1. Un edificio può essere inagibile per grave rischio esterno anche senza danni consistenti all’edificio stesso.

In questo caso ricadono gli edifici sui quali incombe un altro pericolante.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.